18 Novembre, 2019

Il portale podistico
Ultimo fine settimana luglio Salcus

Ultimo fine settimana luglio Salcus

Ultimo fine settimana di luglio caratterizzato da una fase di maltempo, ampiamente pubblicizzata dai vari siti di previsione, che di sicuro non ha fatto dormire sonni tranquilli a tutti coloro che avevano organizzato manifestazioni all’aperto per questi giorni e, venendo a quelle che ci interessano direttamente come frequentatori delle ludico motorie, di temporali fra venerdì, sabato e domenica ne abbiamo visti, anche se con effetti e risultati diversi in base alla localizzazione dell’evento sportivo. Ad esempio venerdì sera da Pacengo di Lazise (VR), dove era in programma la 20^ edizione della “Marcia dell’Ospite e dello Sport”, i  temporali si sono visti solo in lontananza e tutto è filato liscio permettendo a tutti di farsi tranquillamente il percorso di otto chilometri previsto ed anche di sostare alla fine presso i tavoli della Festa in conviviale compagnia fino a tarda ora. Circa settecento i partecipanti, fra i quali diversi villeggianti che stanno trascorrendo le vacanze al Lago, che per una Marcia del venerdì è sicuramente un ottimo risultato, che hanno trovato una buona accoglienza ed un percorso discretamente allestito.

Altro epilogo ha avuto la 3^ “Marcia dell’Alta Lessinia” in programma sabato sera ad Erbezzo (VR) dove i circa cinquecento podisti arrivati fin là per affrontare i due percorsi in altura da 6 e 12 km hanno dovuto fare i conti con un autentico diluvio con vento  tuoni e acqua e che si è abbattuto sugli ultimi che ancora non avevano raggiunto l’arrivo, provocando fra l’altro un fuggi fuggi generale, rovinando così quelle che potevano essere le aspettative per la serata da parte sia degli organizzatori dell’ASD Running Festival che dei partecipanti stessi.    

Quella che invece sembrava più a rischio, sempre dal punto di vista delle previsioni meteo, cioè la 10^ “Camminata per la Pace”  di domenica mattina, organizzata a Terrazzo (VR) dal locale G.P. La Torre, è statainvece parzialmente graziata e, a parte uno scoscio d’acqua fra le sette e trenta e le otto ed un altro poi verso le undici quando gran parte dei partecipanti erano arrivati, il tempo ha tenuto facendo risultare quasi tutto abbastanza nella norma. Comprensibile l’apprensione di quanti si stavano per immettere sui percorsi, ma soprattutto di quanti erano addetti ai vari servizi sugli stessi, in modo particolare a coloro che dovevano tenere allestiti i punti ristoro e sorvegliare i punti critici come incroci e deviazioni ma, visto che poteva andare molto peggio, la poca acqua caduta non ha intaccato più di tanto l’esito della mattinata. Partecipazione che, pur logicamente un po’  inferiore agli standard, si è assestata attorno al migliaio di unità quando ci si poteva aspettare un vero tracollo, e sui percorsi, specialmente in quelli più brevi da 6 e 11 km i podisti spesso formavano una bella fila con pochi vuoti, mentre quello più penalizzato probabilmente è stato il lungo di 20 km, ed anche presso i numerosi punti ristoro un po’ di assembramento si faceva notare dando soddisfazione a quanti erano lì che si davano da fare per accoglierci al meglio. Ristori che come sempre consuetudine qui a Terrazzo erano fornitissimi di frutta, anguria e melone che, malgrado l’assenza del gran caldo del periodo, sono stati molto graditi e consumati in buona quantità da quanti vi transitavano davanti. Le condizioni dei percorsi sono  rimaste abbastanza ottimali e, a parte l’evitabile bagnarsi delle scarpe nei tratti erbosi, non si sono riscontrati particolari disagi all’incedere: percorsi inalterati e quindi disegnati come nelle precedenti edizioni all’interno del territorio che partendo dagli impianti sportivi del comune della bassa veronese porta sull’argine sinistro dell’Adige andando ad interessare le due frazioni di Nichesola e Begosso (col più lungo) attraversando tutta quella zona che, soprattutto fino a qualche decennio fa ormai, ha avuto come economia trainante la produzione di mele, produzione per la quale era famosa e conosciuta. All’arrivo ancora frutta in quantità a disposizione presso il ristoro finale, oltre ai normali alimenti e bevande, e gli arrivati vi hanno sostato volentieri scambiandosi pareri ed impressioni, possiamo dire tutte di tenore positivo.     

Organizzatori dimostratisi quindi ancora una volta all’altezza della situazione e, ripetiamo ancora una volta, da come potevano andare le cose, tutto sommato anche premiati dalla buona partecipazione, sia dei podisti che dal numero di Gruppi che hanno aderito alla manifestazione: quarantaquattro i sodalizi letti sul tabellone della classifica loro riservata (in linea con lo standard dell’evento) con SALCUS presente in una onorevole settima posizione.

Domenica prossima siamo già al 4 di agosto e dopo due appuntamenti in pianura torniamo in altura con la 35^ edizione della “Fra le Contrà di Vestenanova”, ludico motoria che la locale Pro Loco organizza appunto a Vestenanova (VR) nell’ alta Val d’ Alpone, all’interno del Parco Regionale della Lessinia, con percorsi da 7, 11, 14 e 19 Km: contributo partecipazione € 5,00 con riconoscimento (assortimento di prodotti biologici) oppure € 1,50 solo servizi con adesione al Gruppo entro mezzogiorno di sabato 3 agosto. A fine manifestazione proponiamo come lo scorso anno di soffermarci qualche ora in compagnia presso lo stand dell’organizzazione a degustare alcune eccellenze gastronomiche della zona.  

Buone corse e camminate a tutti.   

About The Author

Il Portale podistico www.salcus.it nasce con l’intento di diffondere le classifiche e le news podistiche sul web. Run is Life. GP Salcus

Related posts