22 marzo, 2019

Il portale podistico
In marcia dal vecchio al nuovo anno

In marcia dal vecchio al nuovo anno

Anche in queste ultime giornate che hanno segnato il passaggio fra il 2018 ed il nuovo anno non ci siamo fatti mancare niente in termini di partecipazione di Gruppo alle ludico motorie proposte un po’ ovunque dai vari Comitati territoriali, cominciando da domenica 30 dicembre con la 10^ “Marcia Tra le Mura di Lazise” e la 28^ ““Marcia del Radicchio Rosso” di Asigliano Veneto per finire la mattina di Capodanno con la 3^ “Teolo Winter Running” .

Domenica scorsa quindi Gruppo diviso fra le alture che si affacciano sul Garda ed il Lago stesso e la pianura del basso vicentino: due manifestazioni ambientate in territori piuttosto diversi fra loro ma che per loro caratteristica attraggono sempre un soddisfacente numero di podisti, anche se il termine “soddisfacente” è sempre da mettere in relazione agli standard abituali dei due eventi. Infatti, se a Lazise in una bella e limpida mattinata invernale, con temperatura comunque di qualche grado sopra lo zero, gli iscritti risultano essere stati oltre quattromilacinquecento, ad Asigliano, dove fra l’altro la mattinata si è presentata piuttosto nebbiosa,  se ne sono potuti contare poco più di mille ma, appunto tornando al discorso iniziale, per entrambe è stato un buon successo ed il linea positiva sulle ultime edizioni.

Organizzata dalla locale A.S.D. Le Sgalmare di Colà, la  “Marcia Tra le Mura di Lazise”  è naturalmente favorita dall’ambiente in cui viene proposta, ambiente che richiama podisti da molte province vicine, non solo venete ma anche lombarde ed emiliane, attratti dal fascino del Lago e dai percorsi disegnati sull’entroterra che guarda su di esso: percorsi di 7 e 14 km che partendo dal noto centro turistico si vanno a snodare con un continuo saliscendi sulle dolci alture che lo circondano per poi ritornare nella parte finale sul lungolago lambendo per un lungo tratto le sue acque. Rimangono impressi nella mente dei più i gradevoli panorami che si possono ammirare da più punti dell’itinerario, panorami che interessano oltre al Lago anche sfondi con le Prealpi Veronesi e Bresciane spesso con le cime imbiancate a stagliarsi nell’azzurro del cielo.

Di pari passo con i numeri della partecipazione, anche di Gruppi sul tabellone delle premiazioni se ne sono letti un bel po’: quest’anno sono stati ottantanove con SALCUS vista in graduatoria al 64° posto.

Parte organizzativa adeguata all’evento con servizi nella norma, punti ristoro forniti del necessario per la stagione e segnaletica comprensibile e ben distribuita sui percorsi: unendo questo a quanto rimarcato circa l’attrattiva ambientale, si può tranquillamente predire per la manifestazione un tranquillo futuro.

Ambiente diverso ad Asigliano V., territorio a spiccata vocazione agricola del basso vicentino ai confini con la provincia di Verona: coloro che avevano scelto questa destinazione hanno dovuto fare i conti con un clima più rigido e con la nebbia, ma non per questo hanno voluto venir meno al loro proposito di andare ad animare i tre percorsi preparati per loro dagli organizzatori della Polisportiva Asiglianese in collaborazione col locale Gruppo alpini.  28^ “Marcia del Radicchio Rosso” con i suoi classici percorsi da 6 e 12 km pianeggianti, e uno da 20 km che arriva ad alzarsi sulle prime alture dei Berici, cosa che lo rende molto apprezzato dai podisti che normalmente scelgono i percorsi più lunghi, podisti provenienti soprattutto dal vicentino con rappresentanze dai vicini territori padovano, veronese e rodigino. Manifestazione per così dire tranquilla e con una buona organizzazione sia come accoglienza che a livello servizi sui percorsi e che si fa ricordare anche per l’ottimo risotto al radicchio, magistralmente preparato dal Gruppo Alpini, che viene dispensato ogni anno al ristoro finale accompagnato da un buon vin brulè. Nota non del tutto soddisfacente per gli organizzatori continua ad essere quella relativa alla presenza dei Gruppi: appena diciotto quelli letti in classifica e premiati con la SALCUS figurante in un apprezzabile quinta posizione.

Appena il tempo di far passare lunedì, ultimo dell’anno, e festeggiare in vari modi l’arrivo dell’anno nuovo,  che eccoci subito indirizzati verso Teolo (PD) sui Colli Euganei,  dove ci eravamo dati appuntamento per partecipare alla 3^ edizione della Teolo Winter Running, una ludico motoria che, malgrado la data molto particolare, continua ad essere riproposta con successo dagli organizzatori dello Start Lab Aps-Teolo Running. Stranamente per la data la temperatura del primo mattino si è rivelata piuttosto gradevole, assestata attorno ai cinque gradi, con un cielo solo parzialmente velato scongiurando così la pioggia che purtroppo aveva in parte condizionato lo svolgimento dell’ultima edizione, per cui sui riproposti percorsi da 4,5 – 10 e 15 km hanno finito per prendere il via oltre un migliaio di appassionati, numero che anche in considerazione della data non può che creare piena soddisfazione in quanti si adoperano a preparare l’evento. Percorsi solo in qualche tratto leggermente fangosi e scivolosi, con un continuo alternarsi di salite e discese, passando da ripidi e stretti sentieri boschivi a stradine bianche e qualche rapido passaggio su strade aperte al traffico: un alternarsi di situazioni che riscontra un certo gradimento da parte dei partecipanti che vengono qui ben consapevoli di quello che dovranno affrontare. Gli organizzatori comunque si sono rivelati ancora una volta molto attenti all’incolumità dei podisti dislocando nei punti più critici personale pronto ed attrezzato per intervenire in caso di necessità. Molto curata inoltre la segnaletica direzionale e quella riguardante i chilometri percorsi, segnalazioni queste poste ad ogni chilometro. Buona la partecipazione si diceva, ma non altrettanto la risposta dei Gruppi , specialmente quelli facenti capo al Marciapadova, federazione a cui il Gruppo organizzatore fa capo: appena dieci (e comunque nello standard della manifestazione) quelli che si sono preventivamente iscritti, e qui SALCUS ha ben figurato al terzo posto.

Ed il prossimo fine settimana ci vedrà ancora presenti in due manifestazioni piuttosto distanziate fra di loro, infatti domenica 6 gennaio proponiamo:

la 33^ “Caminada de Baco a Casella di Bovolone con percorsi pianeggianti da 6, 12 e 18 km: contributo partecipazione € 1,50 servizi o € 3,00 con 1 kg riso, adesioni entro mezzogiorno di sabato.

– la 45^ “Marcia dell’Amore a Mirabella di Breganze (VI) con percorsi misto collinari di 6, 13 e 18 km: contributo partecipazione unico € 2,00 con adesioni al Gruppo entro venerdì 4 gennaio

Buone corse e camminate a tutti, oltre naturalmente ad un augurio per un sereno 2019.

 

About The Author

Il Portale podistico www.salcus.it nasce con l’intento di diffondere le classifiche e le news podistiche sul web. Run is Life. GP Salcus

Related posts