14 dicembre, 2017

Il portale podistico
Gozzo e Loberti cominciano bene la nuova stagione di Retrorunning

Gozzo e Loberti cominciano bene la nuova stagione di Retrorunning

Inizio di stagione nel Retrorunning per i due atleti  G.S. Ferrara Ponteggi Massimo Gozzo e Rita Loberti, sabato 28 marzo nel mitico stadio Ridolfi di Firenze.

Situazione surreale e bellissima entrando in questo stadio d’atletica circondato tutt’attorno da tribune coperte di nuova costruzione, e una pista di un materiale diverso da come sono abituato a calpestare. Doppia gara da effettuare nella giornata di sabato 28 marzo, prima la classica sfida di retro sulla distanza del miglio, dove la prima gara vedeva la partenza delle sole donne, visto il congruo numero di atlete presenti, Rita Loberti si destreggiava bene lottando per il 1° posto sino al 3° dei quattro giri da fare, ma la scarsa forma del momento vedeva Rita perdere terreno nell’ultimo giro, e terminare la gara al 3° posto, 3° posto anche per Massimo Gozzo nella gara maschile che vadeva la vittoria a sorpresa di un nuovo atleta Paolo Tarabella, che da circa 6 mesi ha cominciato a  cimentarsi nel retrorunning. Dopo un’ora dalla prima gara si è disputata la gara di corsa alternata sulla distanza dei 2 km. con l’alternanza di un giro corso in avanti (400 mt) e un giro corso in retro, quì Massimo Gozzo dava il meglio di sè e riusciva a vincere la gara partendo subito in testa e andando a vincere con un buon distacco sul secondo arrivato, buona anche la prova di Rita Loberti, che si migliorava rispetto alla gara precedente arrivando 2^ non troppo distanziata dalla prima concorrente Magda Dolfi di Prato.Gare che hanno lasciato il segno nelle gambe viste le prove (scarsissime) della  domenica mattina in quel di Pomposa alla “Corrida degli scariolanti” Ciao a tutti. ti sei P.S. Per Gabriele Gardellini, io non ho mai  gufato la tua gara,  ti sei gufato da solo. Ciao.

About The Author

Related posts

4 Comments

  1. Gabriele Gardellini

    Ciao Massimo.
    In primo luogo voglio complimentarmi con te e con Rita per i recenti risultati conseguiti.
    Risultati che ancora una volta dimostrano la serietà e l’impegno con cui affrontate prove non certo semplici, ed in più servono a tener alto il nome del podismo Ferrarese un pò avaro di gloria negl’ ultimi anni.
    Per cuel che riguarda il P.S.,se mi è stato tradotto bene il “gufato” sta per sfortuna, rimanevo comunque nel dubbio poi mi sono ricordato di un espressione da me usata in prossimità del traguardo ma che non ho rivolto solo ate ma a tanti altri ed era indicativa delle condizioni pessime del percorso dovute alla tanta pioggia , magari anche prevedibile vista la stagione ma non certo programmabile con richiami nefasti.
    Credo molto di più nel destino, perchè almeno quello un tentativo di progrrammazione lo puoi azzardare e tentare di migliorare ad errori commessi.
    ciao Gabriele

  2. Paolo Callegari

    Ovviamente faccio i miei complimenti a Massimo e Rita per l’ottimo avvio di stagione di retrorunning, ma desidero altresì avvisarli che entro breve comincerò gli allenamenti pure io per preparare la gara del 1° maggio “Gamberi al galoppo” all’ippodromo (peraltro ottimamente da loro organizzata) e per quella data se vorranno ottenere ancora dei risultati soddisfacenti dovranno scontrarsi pure col sottoscritto…

    Quanto all’altra questione, non riesco a capire in che toni viene discussa e non so bene di cosa si parla nello specifico, ma posso solamente dire che il percorso di Pomposa è sicuramente tra i più belli che ho visto in tanti anni di corse, solo che la pessima giornata dal punto di vista meteo ha fatto si che vanificasse la bellezza dello stesso rendendolo per molti tratti molto pesante e insidioso.
    Poi non so se ci siano stati problemi di altro genere, ma nel complesso la manifestazione in questione dal mio punto di vista merita assolutamente una lode.
    Solo una cosa lascia dubbiosi, ma non è una critica, e peraltro Gabriele ne è già al corrente: la gara è inserita nel campionato provinciale di corsa su strada ma di strada asfaltata ce n’è ben poca…
    Purtroppo credo che in futuro vada fatta una scelta: o si mantiene la gara in calendario e si cambia percorso (ma personalmente non sarei di un parere positivo) o si esce dal campionato di corsa su strada e si mantiene il percorso così come è che come ho già detto è molto bello.

  3. Massimo G.

    Grazie per complimenti ricevuti sia da Gabriele che da Paolo per i risultati ottenuti da me e Rita nel retrorunning, e vorrei esortàre Paolo C. ad allenarsi bene, in quanto il sottoscritto la gara del 1° maggio non la correrà, e visto alcune defezioni dei big del Retrorunning sarebbe bello che un ferrarese fosse profeta in patria vincendo il titolo nazionale UISP, quindi chiunque fosse intezionato a partecipare alla gara di Retro sulla distanza del miglio non abbia timore ad iscriversi visto anche il buon montepremi a disposizione dei concorrenti.
    Saluti a tutti.

  4. Gabriele Gardellini

    Vorrei immediatamente tranquillizare Paolo e con lui tutti i podisti lettori di questo bel sito. Tra me e Massimo il tono è quello di due appassionati di uno stesso sport magari visto da punti diversi e con qualche ironia per le diverse preferenze di fondo,e non potrebbe essere diversamente in quanto stimo Massimo persona seria e competente.
    Per quel che riguarda il percorso della Corrida degli Scariolanti non ho alcun dubbio e mi unisco alle tue osservazioni non ha assolutamente le caratteristiche per rimanere nel calendario di corsa su strada, perciò la prossima edizione ne sarà certamente esclusa.
    L’unico mio crucio è:ma perchè la uisp non si pronuncia mai ?
    Ciao a tutti

Comments are closed.